Skip to content
IOS

Le 10 migliori soluzioni per iPhone non visualizzate nel Finder su Mac

4 de Agosto de 2022

Dopo che Apple ha rimosso iTunes per Mac, l’iPhone appare direttamente nell’app Finder sul Mac. Così puoi sincronizzare i file multimediali e ottenere maggiori dettagli sul tuo iPhone dal Finder. Puoi persino creare un backup del tuo iPhone sul tuo Mac usando Finder.

Ma cosa succede se il Finder smette improvvisamente di mostrare il tuo iPhone ogni volta che lo colleghi? Può essere una situazione complicata se desideri trasferire o eseguire il backup di foto sul tuo Mac. Se stai affrontando lo stesso, dai un’occhiata alle nostre soluzioni per iPhone che non vengono visualizzate nel Finder su Mac.

1. Mantieni il tuo iPhone sbloccato

A volte, se il tuo iPhone è bloccato durante la connessione al Mac, potrebbe non verificarsi una connessione riuscita. Assicurati di aver prima sbloccato il tuo iPhone e collegalo al tuo Mac. Dovresti vedere la schermata iniziale del tuo iPhone e quindi collegare il cavo per connetterti al Mac. Una volta fatto, attendi qualche secondo e vedi se il tuo iPhone si presenta nel Finder.

2. Cambia il cavo USB del tuo iPhone

Se non riesci a vedere il nome del tuo modello di iPhone nel Finder, il passaggio successivo è controllare il cavo USB per collegare il tuo iPhone al Mac. Se il tuo cavo attuale è danneggiato o non certificato Apple o di un marchio rispettabile, dovresti assolutamente procurartelo uno nuovo. Se non desideri acquistare nuovamente cavi da Apple, ti consigliamo di acquistare un cavo intrecciato per il tuo iPhone per una maggiore longevità.

3. Controlla la porta USB sul tuo Mac

Durante il controllo del cavo, dovresti anche controllare la porta USB del tuo Mac e pulirla. Puoi usare un batuffolo di cotone o una piccola spazzola per filo interdentale per rimuovere lo sporco e i detriti dalla porta. Quindi prova a ricollegare il tuo iPhone al Mac utilizzando quella porta.

4. Riavvia Finder sul tuo Mac

Dopo aver controllato il cavo e la porta USB, se il tuo iPhone continua a non essere visualizzato, ti consigliamo di riavviare Finder sul tuo Mac. È come forzare la chiusura e il riavvio di un’app sul tuo Mac ogni volta che si arresta correttamente. Diamo a Finder un nuovo inizio seguendo questi passaggi.

Passo 1: Assicurati di aver collegato il tuo iPhone tramite cavo al tuo Mac.

Passo 2: Fai clic sull’icona Apple nell’angolo in alto a sinistra della schermata iniziale del tuo Mac.

Passaggio 3: Selezionare Uscita forzata dall’elenco di opzioni.

Passaggio 4: Fare clic su Finder dalla finestra Uscita forzata.

Passaggio 5: Fare clic su Riavvia.

Passaggio 6: Fai di nuovo clic su Riavvia per confermare l’azione.

Passaggio 7: Apri Finder e verifica se il tuo iPhone si presenta o meno.

5. Riavvia il tuo iPhone e Mac

Se il passaggio precedente non ti ha aiutato, andiamo avanti e diamo un nuovo inizio al tuo iPhone e Mac. Ti consigliamo di riavviare il tuo iPhone e Mac seguendo questi passaggi. È una buona idea scollegare il cavo dai dispositivi prima di farlo.

Riavvia iPhone

Passo 1: Tieni premuto il pulsante di accensione e il pulsante di aumento/riduzione del volume sul tuo iPhone.

Passo 2: Quando vedi la notifica sullo schermo, scorri verso destra per spegnere il tuo iPhone.

spegni l'iphone

Passaggio 3: Tieni premuto il pulsante di accensione per riavviare il tuo iPhone.

riavvia mac

Passo 1: Fai clic sull’icona Apple nell’angolo in alto a sinistra della schermata iniziale del tuo Mac.

Passo 2: Seleziona Riavvia dall’elenco di opzioni.

Dopo aver riavviato entrambi i dispositivi, collegali via cavo e verifica se il tuo iPhone si presenta su Mac o meno.

6. Controlla le preferenze della barra laterale del Finder

Ti consigliamo di controllare le preferenze della barra laterale del Finder. Tutti i tuoi dispositivi e cartelle vengono visualizzati nella barra laterale del Finder. Segui questi passaggi per mostrare il tuo iPhone nella barra laterale del Finder.

Passo 1: Premi Comando + Spazio per aprire la ricerca Spotlight, digita Finder e premi A capo.

Passo 2: Fai clic sulla scheda Finder nell’angolo in alto a sinistra.

Passaggio 3: Seleziona Preferenze dall’elenco delle opzioni.

Passaggio 4: Nella finestra Preferenze del Finder, fai clic sull’icona della barra laterale in alto.

Passaggio 5: Controlla se tutti gli elementi Posizione sono abilitati.

Passaggio 6: Chiudi la finestra e ricollega il tuo iPhone per vedere se viene visualizzato nel Finder su Mac.

Nel caso in cui non riesci a vedere la barra laterale del Finder, dai un’occhiata al nostro post su come correggere la barra laterale mancante nel Finder.

7. Ripristina l’elenco dei computer attendibili su iPhone

Quando colleghi il tuo iPhone al Mac per la prima volta, viene visualizzata una piccola notifica nella schermata iniziale del tuo iPhone. Ti verrà chiesto di fidarti di questo computer per consentire al Mac di accedere ai dati del tuo iPhone. Per risolvere questo problema, puoi provare a ripristinare l’elenco dei computer attendibili sul tuo iPhone. Segui questi passi.

Passo 1: Scollega l’iPhone dal Mac.

Passo 2: Apri Impostazioni sul tuo iPhone.

Passaggio 3: Scorri un po’ verso il basso e tocca Generale.

Passaggio 4: Scorri verso il basso e seleziona Trasferisci o Ripristina iPhone.

Passaggio 5: Tocca Ripristina in basso.

Passaggio 6: Dall’elenco di opzioni che appare sullo schermo, tocca Ripristina posizione e privacy.

Ti potrebbe essere richiesto di inserire il passcode del tuo iPhone.

Passaggio 6: Tocca Ripristina impostazioni per confermare l’azione.

Passaggio 7: Chiudi l’app Impostazioni e collega il tuo iPhone al Mac.

Passaggio 8: Tocca Fidati sotto la notifica Fidati di questo computer.

Passaggio 9: Inserisci il passcode del tuo iPhone. Quindi controlla se il tuo iPhone viene visualizzato nel Finder o meno.

8. Elimina i file delle preferenze del Finder dal tuo Mac

Come altre app sul tuo Mac, anche il Finder crea un file delle preferenze per salvare informazioni come le posizioni delle cartelle e i nomi dei file. Se il tuo iPhone continua a non essere visualizzato nel Finder, è possibile che il tuo file delle preferenze del Finder sia stato danneggiato. Puoi risolverlo seguendo questi passaggi.

Passo 1: Avvia l’app Finder. Fare clic sull’opzione Vai nella barra dei menu in alto a sinistra.

Passo 2: Seleziona l’opzione Vai alla cartella dal menu a discesa.

Passaggio 3: Nella casella di ricerca che appare sullo schermo, digita ~/Library.

Passaggio 4: Fare clic sul primo risultato della ricerca.

Passaggio 5: Nella finestra Libreria, fai clic sulla cartella Preferenze.

Passaggio 6: Dopo aver aperto la cartella, digita com.apple.Finder.plist nella casella di ricerca nell’angolo in alto a destra e premi Invio.

Passaggio 8: Seleziona il risultato della ricerca e salva una copia sul desktop.

Passaggio 9: Trascina la cartella nel Cestino. Quindi apri il Cestino e fai clic su Svuota.

Passaggio 10: Avvia di nuovo Finder e collega il tuo iPhone per vedere se viene visualizzato lì.

9. Controllare la struttura del dispositivo USB nel rapporto di sistema

Se ancora non vedi il tuo iPhone nel Finder sul tuo Mac, è probabile che la porta USB del tuo Mac sia difettosa. Puoi controllare lo stesso nel rapporto di sistema del tuo Mac. Segui questi passaggi.

Passo 1: Fai clic sull’icona Apple nell’angolo in alto a sinistra e seleziona Informazioni su questo Mac.

Passo 2: Fare clic su Rapporto di sistema.

Passaggio 3: Cerca l’opzione USB nel menu a sinistra.

Passaggio 4: Controlla se le informazioni del tuo iPhone come ID prodotto e ID fornitore sono elencate.

10. Visita l’Apple Store più vicino

Se non riesci a vedere le informazioni del tuo iPhone seguendo il passaggio precedente, significa che c’è un problema interno con la porta USB del tuo Mac. Ti suggeriamo di visitare l’Apple Store più vicino o il Centro di assistenza autorizzato per farlo riparare da esperti.

Accedi ai dati del tuo iPhone con il Mac

Questi passaggi ti aiuteranno a risolvere e a sbarazzarti del problema. Ma ti consigliamo anche di mantenere un backup dei dati del tuo iPhone utilizzando l’archiviazione cloud come iCloud o Google Drive.