Skip to content

-🔥 Un anno di successi e insuccessi di Windows 10: Microsoft ha imparato qualcosa? 🔥-

9 de Marzo de 2021

L’anno scorso, in questo periodo, Microsoft ha rilasciato Windows 10, un seguito migliore del non ben accolto Windows 8 rilasciato nel 2012. Era tanto atteso, includeva molte funzioni interessanti e ha segnato il ritorno del menu Start . Tra i punti principali del nuovo sistema operativo c’era lo schema di aggiornamento gratuito (che è già terminato) e, secondo la nostra tendenza umana, guardando la parola GRATUITO , molti sono saliti a bordo. Sembrava che il pubblico avesse accettato Windows 10 a braccia aperte, poiché il numero di utenti che hanno effettuato la transizione è stato di 75 milioni in sole quattro settimane.

Anche Microsoft è stata entusiasta della risposta, raggiungendo il suo ambizioso obiettivo di avere più di 1 miliardo di dispositivi Windows 10 in due anni. Per assicurarsi di raggiungere tale obiettivo, ha avviato una serie di metodi che hanno aperto le porte a critiche, controversie e persino azioni legali. Vediamo dove si trova Windows 10 dopo un anno.

Il controverso rilascio

Anche prima del rilascio di Windows 10, si vociferava che Microsoft fosse più invadente con Windows 10. I primi segnali di preoccupazione sono arrivati ​​quando Microsoft ha annunciato che stava disabilitando l’opzione Rinvia gli aggiornamenti nell’edizione Home di Windows 10. È stato visto da molti come un tentativo da parte di Microsoft di assumere il controllo del sistema operativo dell’utente. Quindi, poco dopo il lancio, sono iniziati a venire fuori ulteriori dettagli. Microsoft aveva offerto molte opzioni di impostazione della privacy in Windows 10, ma non ha spiegato cosa significano o cosa fanno. Anche l’imposizione dell’account Microsoft a tutti era un’altra cosa che avrebbe potuto essere evitata.

Connessioni segrete | Foto per gentile concessione di ArsTechinca

Lentamente, la lattina di vermi si aprì. Alcuni utenti curiosi hanno finalmente scoperto cosa è successo dietro le quinte. Il monitoraggio con un debugger Web ha rivelato che il sistema operativo ha contattato i server di Microsoft innumerevoli volte. La disabilitazione della ricerca web nel menu Start e Cortana non ha fatto nulla ed è stata stabilita una connessione con Bing e altri server MS, anche semplicemente digitando qualcosa nella barra di ricerca. E le opzioni sulla privacy fornite da Microsoft per rinunciare a questo servizio? Ebbene, sono efficaci solo quanto la posizione degli Stati membri sulla privacy. Infine, l’intera offerta di aggiornamento gratuito dei pirati è stata un altro fiasco pre-rilascio che è meglio lasciare intatto.

Aggiornamenti forzati

Penseresti che dopo aver visto così tante bandiere rosse, Microsoft avrebbe cercato di guidare la sua nave verso la redenzione, ma non ha sentito nessuna critica e invece ha raddoppiato i suoi sforzi per portare Windows 10 sul PC di tutti, senza le loro autorizzazioni . Dopodiché, è la storia come la conosciamo.

Se Microsoft avesse avuto modo di farlo, lo esamineremmo

Varie pubblicazioni e siti tecnologici hanno trattato costantemente l’argomento e la SM è stata sotto i riflettori per le ragioni sbagliate la maggior parte dell’anno scorso. I PC delle persone sono stati aggiornati a Windows 10 dall’oggi al domani e molti hanno perso il lavoro e la tranquillità. Questo è stato peggio per le persone che hanno una connessione Internet con limitazioni di dati. E coloro che sono stati accolti con un grosso conto non sono rimasti in silenzio e hanno portato Microsoft in tribunale. Il punto più basso è stato quando Microsoft ha cercato di ingannare gli utenti facendo il pulsante (X) chiusura della finestra di dialogo di aggiornamento non ha fatto nulla. Questa disperazione è persino più grande di qualcuno che cerca costantemente Pikachu in Pokémon Go.

Ultimo osso della Discordia

La scorsa settimana sono apparse diverse notizie che indicano che Microsoft stava rimuovendo alcune importanti funzionalità da Windows 10 Pro nel prossimo aggiornamento dell’anniversario. Entrerò presto nelle funzionalità, ma prima dobbiamo capire perché Microsoft ha torto qui (di nuovo). Gli utenti precedenti di Windows 7 avevano queste funzionalità e sono stati aggiornati a 10 supponendo che saranno disponibili. Ma la disabilitazione di queste funzionalità, o addirittura di una qualsiasi di queste funzionalità, costituisce ciò che viene generalmente definito esca e interruttore, poiché tali utenti non possono tornare a Windows 7 e sono intrappolati. Ed è illegale, quindi possiamo aspettarci più azioni legali oltre a ciò che è già stato presentato per spionaggio incessante.

Sebbene in Cina vengano venduti circa 3 milioni di computer all’anno, le persone non pagano per il software. Un giorno lo faranno, tuttavia – Bill Gates, 1998

E non è tutto, la nuova installazione di Windows 10 non può installare alcun driver in modalità kernel di Windows non firmato. Questo è scomodo per gli utenti e una seccatura per gli sviluppatori, poiché devono sborsare una grande quantità di denaro per il processo di registrazione.

Le caratteristiche influenzate

Le funzionalità in questione sono Application Virtualization (App-V), User Experience Virtualization (UE -V) e Group Policy Editor, come spiegato di seguito:

Virtualizzazione delle applicazioni (App-V) : Come indica il nome, le applicazioni non vengono installate sul computer dell’utente (client) ma vengono caricate da un server centrale. Questo può essere paragonato al Nextbit Robin, in cui le applicazioni sono archiviate nel cloud, ma non esattamente, i vantaggi di questo sono il risparmio di spazio sui computer dei clienti e il controllo sull’accesso alle applicazioni per utente.

Virtualizzazione dell’esperienza utente (UE-V): Questa funzione garantisce che, indipendentemente dal computer a cui si connette l’utente, il desktop, le impostazioni e le applicazioni siano sincronizzati su tutti i computer. Il semplice confronto per questo è il tuo account Google su Android e Chrome. È stato introdotto come una migliore alternativa ai profili mobili.

Editor criteri di gruppo : Questo è un motore per modificare molti aspetti degli account utente, caratteristiche importanti del sistema operativo e molto altro ancora. Include opzioni che esulano dallo scopo del pannello di controllo e spiegarlo in dettaglio è probabilmente impossibile, anche se facciamo un pezzo separato su di esso. Sebbene l’Editor Criteri di gruppo nella sua interezza non sia fortunatamente disabilitato, alcuni dei criteri importanti spiegati di seguito vengono neutralizzati.

Per le politiche su suggerimenti e trucchi | Microsoft

Come avrai intuito, le funzioni di cui sopra sono utili solo per organizzazioni come Windows Pro. Tra queste, l’ultima, l’Editor Criteri di gruppo, è fondamentale per gli utenti avanzati, poiché il report dei fantasmi disabilita la possibilità di disabilitare Microsoft Consumer Experience (Telemetry Dati), app di Windows e schermata di blocco. Vediamo una tendenza generale, giusto? Per quanto riguarda le prime due funzionalità, ci sono alternative, come Thinapp, ma non sono facili o fattibili da implementare. Sebbene ciò riguardi solo Windows 10 Pro, anche gli utenti dell’edizione Home dovrebbero prenderne nota, perché in un futuro non troppo lontano Microsoft potrebbe fare lo stesso con loro.

Un rivestimento d’argento?

Se sei con me finora, potresti essere ansioso e preoccupato, persino disposto a passare alle opzioni open source, ma aspetta. Sì, le tattiche di Microsoft hanno fatto sembrare Windows 10 un rompicoglioni, ma d’altra parte ha anche mantenuto molte delle sue promesse. La reintroduzione del menu Start è stata elegante e interessante, ha corretto la strana modalità 2-in-1 utilizzando Continuum e ha acquistato l’ottimizzazione generale per renderla più veloce e meno gonfia.

Barlume di speranza

E sta migliorando (almeno per gli utenti non professionisti) con diverse nuove funzionalità come il supporto per Bash, la modalità tema scuro e la sincronizzazione delle notifiche tramite l’app Cortana inclusa nell’aggiornamento Anniversary. Ora, se Microsoft correggesse i loro metodi, sarebbe meglio per tutti e forse anche per convincere più utenti ad aggiornare, cosa che in precedenza avevano spaventato. Ma questo è un grande sì, e visto che stiamo scrivendo questo pezzo in questo modo, è chiaro che Microsoft ha molto da imparare.

Abbiamo contattato Microsoft in merito, ma non abbiamo ancora ricevuto risposta. Aggiorneremo questo post se riceviamo una risposta. Com’è stato il tuo anno con Windows 10? O non hai effettuato alcun aggiornamento? Condividi le tue idee con noi.

LEGGI ANCHE: Windows 10: un rapido riepilogo di ciò che devi davvero sapere

Ultimo aggiornamento 14th Novembre 2022