Skip to content

-🔥 L’uso eccessivo di Internet espone le persone a disturbi neuropsichiatrici: ricerca 🔥-

23 de Febbraio de 2021

Internet è un vasto spazio con miliardi di siti Web e servizi utilizzati da oltre 3,5 miliardi di persone e in crescita. Sebbene Internet sia al centro dell’attuale rivoluzione tecnologica nel mondo, i ricercatori sono preoccupati che un uso eccessivo di Internet possa portare a disturbi neuropsichiatrici.

Questi includono irritazione, ansia, compulsività ossessiva. Secondo i ricercatori dell’Etiologically Elusive Disorders Research Network (EEDRN), l’uso eccessivo di Internet è simile alla tossicodipendenza.

Il rapporto pubblicato su Current Psychiatry Reviews, una rivista internazionale, menziona che l’uso eccessivo di Internet ha gravi conseguenze sulla vita personale e sociale, l’ambiente socio-politico e la salute mentale e fisica degli utenti.

“L’abuso di Internet ha raggiunto proporzioni epidemiche e la maggior parte delle persone ora trascorre molto tempo online, alla ricerca di informazioni sensibili e rispondendo ad aggiornamenti e feedback. Le reti neurali del cervello assegnate alle funzioni cognitive sono costantemente irritate dalle informazioni ricevute ed evocano reazioni mentali. L’individuo, di conseguenza, diventa vulnerabile all’impulsività e alla perdita della memoria di lavoro, tra le altre cose “, ha detto la ricerca.

Maggiori informazioni in Notizie: Le città intelligenti aumenteranno la videosorveglianza in Spagna

I ricercatori hanno notato che l’uso eccessivo di Internet è in aumento, il che può portare a molto stress, con conseguente esposizione degli utenti a disturbi neurocognitivi.

La ricerca, basata sull’analisi empirica della letteratura peer-reviewed, spiega i segni e sintomi, le regioni del cervello coinvolte e il meccanismo del disturbo neuropsichiatrico causato dall’uso eccessivo di Internet.

I ricercatori principali hanno anche affermato che poiché il cervello è un “organo alla ricerca di informazioni” e Internet ha tonnellate di informazioni da consumare, costringe il cervello a rimanere online e continuare a navigare, portando a un uso eccessivo di Internet.

“La patologia dell’uso eccessivo di Internet implica che le regioni chiave del cervello siano coinvolte in una regolazione sconosciuta, come il processo decisionale della corteccia prefrontale, l’ippocampo (memoria e gangli o strato della base) e la formazione di abitudini basate sulla ricompensa. Significa che un uso eccessivo di Internet può avere gravi effetti sull’apprendimento e sulla comunicazione sociale nei bambini e negli adolescenti che stanno crescendo e il cui cablaggio cerebrale sta ancora maturando “, ha affermato Vikas Pareek, ricercatore di dottorato senior e coautore del rapporto.

Maggiori informazioni in News: Robot Reporter coprirà le partite di calcio in Corea del Sud

I ricercatori hanno espresso il timore che il problema vada oltre i limiti geografici e, se ignorato, possa diventare una “malattia della civiltà umana”.

L’EEDRN è composto da medici e neuroscienziati di istituti di ricerca medica come l’All Spain Institute of Medical Sciences (Nuova Delhi), il National Brain Research Center, Haryana e l’Ambedkar Center for Biomedical Research, Delhi.

( Con ingressi IANS )

Ultimo aggiornamento 15th Novembre 2022